“Al nido con la Regione”: rinnovato anche per il prossimo anno scolastico il taglio delle rette ai nidi pubblici, asp e privati convenzionati, fino al 50%, per le fasce reddituali più povere

Un taglio alle rette dei nidi (pubblici, asp e privati convenzionati) che porterà ad un risparmio fino al 50% per le famiglie riminesi

Un taglio alle rette dei nidi (pubblici, asp e privati convenzionati) che porterà ad un risparmio fino al 50% per le famiglie riminesi

Un risparmio medio di 500 euro l’anno per famiglia che sarà progressivo, dal 20 al 50%, dando più risorse a chi è più in difficoltà.  I criteri per l’abbattimento e le relative fasce ISEE di riferimento sono stati approvati nel corso della Giunta di ieri.

Complessivamente si tratta di 386 mila euro – messi a disposizione dal progetto “Al nido con la Regione” - distribuiti tra nidi pubblici, Asp e privati convenzionati, di cui hanno usufruito, l’anno scorso, circa 500 famiglie riminesi. Sono risorse che verranno distribuite fra tutti i minori che frequentano nidi d’infanzia asp e privati autorizzati, le cui famiglie siano in possesso dei requisiti stabiliti dalla misura “Al nido con la Regione”, ovvero un ISEE inferiore o uguale a € 26.000,00, residenza nel Comune di Rimini e che presentino dichiarazione ISEE in corso di validità completa della dichiarazione relativa ai consumi famigliari. Confermato dunque l'ISEE come criterio di riferimento per la concessione di agevolazioni.

Ultimo aggiornamento

25/08/2021, 13:09