Scarico di acque reflue domestiche o assimilate non recapitanti in pubblica fognatura : domanda di rinnovo di autorizzazione

Richiesta di rinnovare l'autorizzazione allo scarico delle acque reflue domestiche o assimilate di un proprio immobile posto in una zona del territorio comunale non servita dalla pubblica fognatura

Cos'è

Se hai già un'autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche, puoi richiedere il rinnovo.
Devi presentare la domanda per il rinnovo entro un mese dalla data di scadenza dell'autorizzazione.

Se l'autorizzazione è già scaduta, non potrai richiederne il rinnovo, ma dovrai presentare una nuova domanda di autorizzazione.

A chi si rivolge

Destinatari

Il servizio si rivolge a tutti i privati cittadini che hanno necessità di rinnovare l'autorizzazione allo scarico di acque reflue domestiche o assimilate di un proprio immobile posto in una zona del territorio comunale non servita dalla pubblica fognatura.

Accedi al servizio

Come si fa

Puoi presentare la domanda di rinnovo allo scarico e tutta la documentazione richiesta con una delle seguenti modalità:
    • Presso il protocollo del comune di Rimini;
    • Tramite posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo: dipartimento3@pec.comune.rimini.it
In seguito alla riorganizzazione delle procedure finalizzate alla dematerializzazione dei documenti e alla limitazione dell’uso della carta è preferibile la trasmissione delle istanze in modalità telematica.

L'autorizzazione allo scarico di reflui domestici non recapitanti in pubblica fognatura è valida 4 anni ai sensi della normativa vigente e ne deve essere richiesto il rinnovo prima della scadenza.

L’autorizzazione si considererà tacitamente rinnovata per ulteriori quattro anni previa presentazione presso gli uffici competenti (Comune di Rimini - U.O. Qualità Ambientale) della documentazione sotto indicata.

Cosa si ottiene
Rinnovo dell'autorizzazione allo scarico di reflui domestici o assimilati per privati cittadini

Cosa serve

Devi inviare i seguenti documenti:

  • Fotocopia di un documento valido d'identità del titolare dello scarico.
  • Dichiarazione sostitutiva di atto notorio in cui il titolare dello scarico comunica che non sono intervenute modifiche agli edifici/insediamenti tali da determinare variazione alle caratteristiche quali-quantitative dello scarico oggetto dell’autorizzazione di cui si chiede il rinnovo.
  • Certificazione di inesistenza in zona della fognatura rilasciata da Hera S.p.A.
  • In caso di immissione diretta in fosso interpoderale di campagna di proprietà di un soggetto diverso dal richiedente dell’autorizzazione, dichiarazione firmata da quest'ultimo di assenso a ricevere lo scarico oggetto di rinnovo, con validità per un periodo non inferiore a quello della durata dell'autorizzazione oggetto di istanza.
  • In caso di recapito in un corpo idrico gestito da Consorzio di Bonifica della Romagna, Regione o altro Ente Gestore, nulla osta idraulico o concessione rilasciati dall'Ente stesso, con validità per un periodo non inferiore a quello della durata dell'autorizzazione oggetto di istanza.
  • Procura del tecnico incaricato alla presentazione dell’istanza.
  • Fotocopia del documento di identità del tecnico incaricato.
  • Ricevuta del pagamento delle spese di istruttoria.

Per le istanze trasmesse telematicamente tutti i documenti devono essere firmati digitalmente.
È necessario allegare la procura speciale conferita al tecnico qualora il richiedente non sia in possesso di firma digitale.

Costi e vincoli

26 euro di spese di istruttoria (D.G.C. n. 185 del 24/05/2022) e una marca dal bollo da 16 Euro

Hera richiede il pagamento per il rilascio del certificato di esistenza/inesistenza di rete fognaria 

Il Consorzio di Bonifica della Romagna richiede il pagamento per il rilascio di autorizzazioni per l'esecuzione di opere su Canali di bonifica.


Imposta di bollo
Per pratiche inviate tramite PEC, il pagamento dell'imposta di bollo dovrà avvenire:

  • mediante MODULO F24 dell'Agenzia delle Entrate. Una volta compilato il modulo, l'importo dovuto dovrà essere versato presso gli sportelli di banche, di Poste Italiane S.p.A. oppure degli agenti della riscossione o pagato direttamente sul sito dell'Agenzia delle Entrate. L'utente, dopo aver effettuato il pagamento dell'imposta di bollo dovrà obbligatoriamente allegare alla domanda la prova del versamento effettuato, costituita dal file in formato .pdf dell'attestazione/quietanza di avvenuto pagamento (es. la scansione della ricevuta di pagamento oppure la ricevuta digitalizzata nel caso si sia utilizzato un servizio homebanking);
  • mediante contrassegno adesivo (marca da bollo) inserendo nella domanda i numeri identificativi della marca da bollo utilizzata, annullandola con apposito modulo e conservandone l’originale. La marca da bollo dovrà essere annullata scrivendo la data dell'annullamento o facendo un segno o una firma.

Tempi e scadenze

Tempi di risposta

L’autorizzazione si considererà tacitamente rinnovata per ulteriori quattro anni previa presentazione presso gli uffici competenti (Comune di Rimini - U.O. Qualità Ambientale) della documentazione sopra indicata. 
Nel caso di carenze documentali saranno richieste integrazioni entro 30 giorni dalla ricezione della richiesta di rinnovo.

 

Area di riferimento

Uffici

Inquinamento idrico
Via Francesco Rosaspina 21 - 2 piano  47923 Rimini
Orari:

Secondo le vigenti misure di contenimento dei contagi da covid-19, l'accesso del pubblico all'ufficio è vietato per qualsiasi operazione che possa essere svolta a distanza (telefono, posta elettronica, videoconferenza) ed è in ogni caso soggetto a regole e limitazioni.

È pertanto richiesto appuntamento con il personale.

Telefono:

+39 0541 704688 (scarichi non in fognatura, tutela delle acque e balneazione)

+39 0541 704709 (scarichi in fognatura e ordinanze P.S.B.O)

Email:
qualitaambientale@comune.rimini.it
PEC:
dipartimento3@comune.rimini.it

Ultimo aggiornamento

01/08/2022, 09:29