Più del 50% dei cittadini che si rivolgono ogni anno allo sportello sociale del Comune di Rimini, lo

Welfare: 80 mila euro a supporto dell'emergenza abitativa e al sostegno all'abitare

7 Settembre 2018
Dall'aiuto per il pagamento di una bolletta al sostegno per chi si trova a fronteggiare uno sfratto, da piccoli interventi economici per le necessità quotidiane ai contributi per soluzione abitative di emergenza.

Più del 50% dei cittadini che si rivolgono ogni anno allo sportello sociale del Comune di Rimini, lo fanno per fronteggiare piccoli o grandi problemi relativi alla casa. Per questo il Comune di Rimini interviene con una serie di interventi mirati all'emergenza abitative; tra questi, un corposo piano di sussidi economici a favore di persone residenti nel Comune di Rimini che si trovano in condizioni di svantaggio, finanziato anche con gli 80 mila euro appena impegnati e che fanno parte di un fondo complessivo di 224 mila euro.

"Come dimostrano i dati sugli sfratti presentati ieri – è il commento di Gloria Lisi, assessore alla protezione sociale del Comune di Rimini – il problema della casa rimane, nonostante i numeri in diminuzione, uno degli ambiti cardine del welfare locale. Queste sono risorse che, tramite lo sportello sociale, formano uno dei tanti servizi di supporto all'abitare, rivolti in particolare a quei bisogni del quotidiano che, in periodi di difficoltà, possono mettere le famiglie più esposte in difficoltà. Non sono interventi spot, ma risorse inserite in un programma di supporto e sostegno alle famiglie in difficoltà e filtrato dai nostri sportelli".